Progetti didattici

Liceo Scientifico Statale Filippo Lussana - Bergamo - maggio 2017

Leggi il resto

Liceo Scientifico Statale Filippo Lussana - Bergamo - febbraio,marzo 2016

Leggi il resto


Istituto Magistrale Gaetana Agnesi - Milano - giugno 2015

Leggi il resto


Liceo linguistico W. Shakespeare - Crema 13 maggio 2015

Leggi il resto


Incontri e Conferenze

ENDOMETRIOSI - Dalla ricerca nuove prospettive per comprendere la malattia

congresso 20170127 180Endometriosi. Una malattia talora devastante che colpisce 176 milioni di donne nel mondo. Una malattia che coinvolge, negativamente, tanti aspetti della vita della donna. Una malattia che ha impegnato per anni, e tuttora impegna, moltissimi ricercatori e clinici. Una malattia che ancora oggi, però, viene definita come “enigmatica”. In questo convegno vogliamo tentare di capire.

Leggi il resto

L’ENDOMETRIOSI: MALATTIA SOCIALE? - 30 Aprile 2016 Torino

Leggi il resto


AOGOI 24 Ottobre 2015 - EXPO Milano

Leggi il resto


AOGOI 20-21 Novembre 2014 - Bergamo

Leggi il resto


Scanzorosciate: Ændo e Sichig

Leggi il resto


ENDOMETRIOSI A CARICO DELLE VIE URINARIE PDF Stampa E-mail

 

Colpisce una quota minore di pazienti. È stato stimato un coinvolgimento delle vie urinarie intorno all’1-2% delle donne affette da endometriosi. L’organo maggiormente interessato appare la vescica (85%); altre localizzazioni appaiono l’uretere (10%), il rene (4%) e l’uretra (2%). Per endometriosi vescicale si intende una forma di endometriosi che infiltra il muscolo detrusore, che costituisce le pareti della vescica. Può essere primitiva o secondaria al diffondersi di una forma del setto vescico-vaginale nel contesto dell’organo stesso. I sintomi sono spesso aspecifici e possono mimare una cistite: pollachiuria, disuria, urgenza minzionale, ritenzione urinaria. Se l’endometriosi non coinvolge la mucosa vescicale, manca l’ematuria ma sono presenti con le stesse caratteristiche gli altri disturbi vescicali. Gli sbocchi ureterali in vescica sono raramente coinvolti, per cui l’idronefrosi non è un quadro frequente. Molte pazienti con endometriosi vescicale sono asintomatiche. La diagnosi avviene con la diretta visualizzazione delle lesioni e la biopsia delle stesse tramite cistoscopia; spesso la diagnosi avviene durante laparoscopia. La cistoscopia mette in evidenza un nodulo od una zona ulcerata della parete vescicale. Il trattamento è indicato nelle donne sintomatiche o che presentino idronefrosi. Per endometriosi ureterale si intende una forma di malattia che coinvolge l’uretere. L’endometriosi ureterale si distingue in intrinseca ed estrinseca. L’endometriosi intrinseca è caratterizzata dalla presenza di lesioni endometriosiche nello spessore della parete dell’uretere, con fibrosi e proliferazione della componente muscolare; per endometriosi estrinseca si intende una compressione della parete ureterale dall’esterno da parte del peritoneo infiltrato sovrastante. Entrambe le forme possono esitare in stenosi. Il 50% delle donne affette da endometriosi ureterale è asintomatico, il 25% lamenta dolori colici ai fianchi e il 15% franca ematuria. Spesso la diagnosi, ritardata dalla mancanza di sintomi, avviene durante una laparoscopia diagnostica per dolore pelvico. Il sospetto di endometriosi ureterale deve essere posto quando si visualizza ureteroidronefrosi (dilatazione dell’uretere e, successivamente della pelvi renale) all’ecografia reno-vescicale. Il trattamento dell’endometriosi ureterale con idronefrosi è chirurgico e consiste nella rimozione dell’ostruzione; può essere necessario il posizionamento prima e/o dopo l’intervento di stent ureterali.

 

 

Share
Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Novembre 2013 13:02
 

Calendario eventi

Seguici e condividi

logo twitter

Nasce ETIC, scopri cos'è..

Link Amici

Gli amici di AENDO

Questo spazio è voluto per ospitare altre Associazioni e tutti quelli che gratuitamente

collaborano alla crescita di Ændo, ognuno con le proprie competenze.

Leggi il resto